Panel 1

Bentrovati, benritrovati

Esterina, i vent’anni ti minacciano……., Montale, Ossi di seppia

 

Benearrivati in Prato, Fermiani di ogni età

Mancano ormai solo pochi giorni e finalmente potremo salutarvi di persona, noi che abbiamo lavorato per festeggiare il 50esimo compleanno del liceo, e finalmente voi potrete salutare chi trovate, riconoscendolo, compagno della stessa classe, la mitica….

In questi mesi, preparando questo evento, grazie a voi abbiamo scoperto tante cose, notizie di quelle che colorano giornate grigie, o che danno luce al buio delle nostre cronache quotidiane. Non che nel 1969, anno di nascita del Liceo e negli anni seguenti, il panorama fosse meno fosco. “Anni di piombo”, vennero poi chiamati.

Dedicheremo a quegli anni una mostra storico didattica in aula magna, il prossimo ottobre, per chiudere idealmente il 50esimo riconducendo ai valori della nostra Costituzione di cui ci parlò in apertura l’on. Flick al San Gaetano, valori che solo nella nostra storia si possono sostanziare.

E la storia sta a noi.

C’eravate già al Fermi, voi “senior”, ed era la maturità il luogo dei vostri diciannove anni e così negli anni a seguire, con sfondi sociali e politici diversi, comunque anni di democrazia in Italia, ma sempre diciannove anni, per tutti, il tempo del diploma. Sempre il Fermi, il luogo del diploma, non è cambiato molto, da allora, il liceo. Voi, noi piuttosto, siamo cambiati con il volgere della nostra stagione ed ora guardiamo crescere ed avvicinarsi alla maturità i nostri figli, i nipoti. Sempre diciannove anni , al Fermi o altrove.

L’augurio è che la potenza dell’amicizia, la forza evocatrice della nostalgia, il piacere dello stare insieme percorrano il Prato, entrino nel portone di corso Vittorio, salgano su per lo scalone artistico e via via percorrano configliachi, torretta cortili, casa custode, fino ad arrivare ai nostri studenti.

Sia il vento che li accompagna fuori del liceo verso la loro vita, quella che sarà.

Bentrovati, benritrovati. Questa è la vostra festa, cari amici.

 

Alberta Angelini, ds

Panel 4

Testimonianze

La organizziamo una partitella in ricordo di Mauro?
È cominciato tutto così.
Eravamo al funerale.
Non a quello di Mauro. Quello risaliva a meno di un anno prima. Il funerale era quello di
suo padre.
In meno di un anno ci eravamo ritrovati per due volte e per questioni tutt’altro che allegre a
ripercorrere quelle vie secondarie di quartiere (Madonna Incoronata per i più curiosi) che
tantissimi anni prima frequentavamo con assiduità, dato che era la zona di Padova con la
maggiore concentrazione di compagni di classe. (altro…)

Mauro Arcieri, al “campetto” per sempre

Ho passato la maggior parte della mia attività di Docente al Liceo Fermi. E’ stato un tempo
davvero felice e appagante, e grazie agli alunni che ho visto crescere e di cui sono stata e sono
fiera, e grazie ai Presidi e ai colleghi con cui ho avuto il privilegio di lavorare e di collaborare
trasformando, spesso, un rapporto di lavoro in sentimenti di amicizia profonda. Qualcuno, purtroppo,
ci ha lasciato ma il ricordo e l’affetto rimangono sempre vivi e intatti nel cuore come doni preziosi.
Il Fermi è stato certamente la mia sede di lavoro, ma è stato, soprattutto, la mia ‘casa’. GRAZIE
Grazia Mazzucato – Docente di Lingua e Letteratura Inglese

Il Fermi come casa, la testimonianza della Prof.Grazia Mazzucato